Il Dottor Mozzi sul Covid 19

Nella storia dell’umanità è successo spesso che la Natura, ad un certo punto, abbia cancellato il materiale genetico non adatto alla sua evoluzione attraverso malattie nuove.

Una premessa circa l’influenza stagionale che ogni anno colpisce la popolazione in Italia, è che una forma d’influenza “normale” prevede il contagio di 6 o 7 milioni di persone. Circa 300 o 400 persone ne muoiono e ad esse se ne aggiungono 7 o 8 mila perché già malate di un’altra patologia, quindi fisicamente debilitate e spesso anziane.

In riferimento al Corona virus, abbiamo quattro categorie:

  • ci sono persone che decedono
  • ci sono malati che guariscono
  • ci sono i portatori sani
  • ci sono i non contagiati

Perché? Quando il nostro sistema immunitario funziona bene ci protegge dalle malattie, anche dalle influenze. Infatti, ci sono casi in cui all’interno della stessa famiglia, alcune persone non sono contagiate da familiari ammalati.  La domanda che sorge spontanea è: cosa cambia da una persona all’altra?  Che cosa distingue queste persone? Il caso o la fortuna? Probabilmente, dipende dal loro equilibrio fisico e dal modo in cui si prendono cura di se stesse. Una possibile soluzione potrebbe essere quella di studiare queste “diversità” di stili di vita per capire che attività svolgono, cosa mangiano, che vita conducono queste persone. Perché non si tenta, tra le varie strade, anche questa possibilità logica, rapida, funzionale e parzialmente risolutiva?

In fondo anche le discipline più antiche, come l’Ayurveda, ci hanno tramandato che il mangiar sano è uno dei fattori che influisce sulla salute, cosa che abbiamo sperimentato anche sugli animali. Tutti ricorderanno il caso della mucca pazza: se viene dato loro il mangime sbagliato si ammalano.

Allora, perché non iniziamo a farci domande invece di subire tutto ciò che ci viene detto? E darci risposte…

“Vogliono delle pecorelle, ma noi dobbiamo essere leoni”.

E.

Di seguito un video del Dr.Mozzi che parla di questo argomento, della durata di circa 16 minuti, poi  il video è stato tagliato, chissà perché!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...